#1 | It’s just the beginning

   cropped-usami2.jpg

Benvenuti su Exaifos!

Sono Sofia, una futura exchange student che presumibilmente ad agosto partirà per gli Stati Uniti. Ho deciso di scrivere su questo blog perché penso che sia bello condividere la mia esperienza, e magari andare a rileggere ciò che ho scritto fra un po’ di anni. Come me tanti altri exchange students hanno pubblicato degli articoli e devo dire che leggere  le loro esperienze è stato molto utile, e lo è stato ancora di più quando vedevo articoli sul pre-partenza, ovvero su tutta la parte burocratica (ma non solo) che precede la partenza.
Io personalmente, per esempio, sono dovuta andare fino a Roma per fare i test di selezione. Era il 6 novembre quando ero arrivata in treno con mia sorella Giulia, ed erano i giorni in cui a Roma era stato dato l’allarme rosso per il maltempo. Insomma, le cose sembravano un po’ contro di me…  Il giorno dopo, alle selezioni, eravamo circa una ventina; i posti disponibili, essendo stato un ripescaggio (già mi ero presa tardi), erano quattro: un anno negli USA, un semestre sempre negli USA e due posti in Germania. Ci hanno dato 45 minuti per lo SLEP TEST e successivamente ci hanno dato un orario per il colloquio motivazionale. Siccome erano circa le 12 e avevo un’ora libera prima del colloquio, sono andata a pranzare con mia sorella, che mentre facevo il TEST si era dovuta subire la riunione. Una volta tornata verso le 14 hanno chiamato il mio nome, e sono entrata in una stanza dove c’erano due ragazze che hanno iniziato a farmi un po’ di domande. Il tutto sarà durato circa 20 minuti. Poi ero libera di andare, e ho fatto un giro per Roma dato che la pioggia aveva concesso una tregua. Nel frattempo avevo fatto domanda anche per la borsa di studio di Intercultura, e il TEST sarebbe dovuto essere circa due settimane dopo, un sabato. Ma il giorno prima del colloquio di Intercultura, mentre aspettavo l’autobus per tornare da scuola, noto la notifica di una mail sul cellulare: ero stata ammessa al programma annuale per gli Stati Uniti!
Non potete immaginare la mia gioia, perché ci speravo davvero con tutto il cuore ma effettivamente eravamo una ventina alle selezioni, e le probabilità erano quelle che erano. “Andrò un anno negli States. E non vedo l’ora.”, pensavo. E la gran parte delle persone a cui lo dicevo mi rispondeva “Ma come fai? Non riuscirei mai a stare via un anno. Senza famiglia, senza amici…” be’, io penso che questa sia un’opportunità unica nella vita. Quando mai mi capiterà di nuovo di avere sedici anni e andare oltreoceano da sola, in un paese che non conosco? Mai. E penso che sia un’esperienza di crescita davvero unica, dove puoi confrontarti con un melting pot di culture ed ideali.
Ad ogni modo ora sapevo, grazie ad altri blog, che mi aspettava la parte dell’Application, ovvero una parte burocratica e la lettera alla host family. Infatti una settimana dopo mi arrivò una mail dalla mia associazione che mi dava le istruzioni per la compilazione dell’Application. La parte burocratica è abbastanza: carte mediche, trascrizione delle pagelle, vaccinazioni eventuali (per gli italiani quasi sicuramente) da fare…
Ed ora, ad Application inviata, non mi resta che aspettare nuove indicazioni. Sono davvero felice e anche un po’ impaurita, com’è normale, per questa esperienza, ma sono sicura che porterà un grande bagaglio nella mia vita.
Per qualunque cosa: chiarimenti, domande, dubbi…, potete contattarmi ai link o semplicemente commentare sotto questo post! 😉
Buon ritorno (purtroppo) a scuola,

Exaifos

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...